Tag: futuro

Una passeggiata nel metaverso

Sino a qualche mese fa il metaverso sembrava solo un’idea intrigante, ma oggi, piano piano, sta iniziando a diventare sempre più una realtà. Come sempre la tecnologia viaggia più veloce delle parole, e curiosando sul web possiamo iniziare a esplorare i primi metaversi. Vero, molti mondi sembrano ancora un pò da sgrezzare e migliorare graficamente, sono ancora distanti dalla realtà e non permettono ancora un integrazione con qualunque visore, però sono esempi interessanti di ciò che ci riserverà il futuro.

 

Noi di yes-web abbiamo deciso di esplorare, utilizzando la piattaforma Spatial, uno spazio del metaverso dedicato alla cultura, eventi, opere d’arte di nft, ecc…

Entrare nel metaverso di Spatial è semplice: l’applicazione è presente negli app store principali, oppure è visitabile da chrome, ed è totalmente gratuita, anche se c’è la possibilità di avere spazi più ricercati e controllabili a pagamento. 

 

Appena iscritti è possibile creare il nostro avatar al quale dobbiamo dare un nome. Attraverso la fotocamera è possibile dare le nostre sembianze all’avatar, anche se non sarà molto fedele a noi. Un rapido tutorial ci insegnerà a visitare questi mondi anche senza i visori dedicati. 

Purtroppo c’è una limitazione: senza accoppiare gli handset per il movimento non possiamo muoverci all’interno del metaverso con il visore, ma nonostante questo, l’esperienza, per quanto non totalmente coinvolgente, risulta interessante e fruibile comodamente.

 

Come detto, questo metaverso ospita soprattutto opere d’arte nft e si presta come spazio dove il mondo reale e quello virtuale si fondono e possono dialogare perfettamente tra loro. Le varie stanze sono organizzate dagli artisti che espongono, le opere si presentano davanti a noi con una buona risoluzione , possiamo muovere il nostro avatar per le sale, ed eventualmente dialogare con gli altri partecipanti alla visita.  Inoltre, attraverso indirizzi e contatti forniti dagli autori, possiamo acquistare queste opere come se fossimo in una reale galleria d’arte. 

 

L’esperienza di visualizzazione è buona e semplice, e alcune stanze sono veramente ben fatte e ricercate. Sia con i visori, sia senza, risulta molto facile visualizzare tutti gli elementi presenti, tanto quanto comunicare con gli altri visitatori. Naturalmente con i visori l’esperienza di visualizzazione migliora sensibilmente. In qualunque caso, comunque, la visualizzazione delle opere è chiara e dettagliata. Inoltre, anche se questa sembra una funzione a pagamento, possiamo anche organizzare presentazioni e conferenze, accoppiando le nostre hearset per comunicare comodamente come se fossimo in una grande riunione o presentazione. 

 

I mondi da visitare sono tantissimi, ogni giorno possiamo visitare gallerie di nuovi artisti, sempre più curate e fruibili, dove le opere proposte sono facilmente acquistabili. 

 

Ma le possibilità di fare tour virtuali saranno infinite e riguarderanno tutte le attività. 

È di questi giorni l’articolo che parla di un giovane italiano, Federico Buompane, che sta cercando, attraverso un crowdfunding, di aprire un emporio virtuale dove da tutto il mondo si potrà assistere alle lavorazioni del caffè della torrefazione di famiglia, la We Roast. Attraverso una blockchain dedicata potrà essere monitorato tutto il processo produttivo,  dalla semina, alla raccolta, sino alla vendita finale. 

 

Il metaverso ci regalerà sempre più sorprese e opportunità per il futuro. Il nostro mondo reale sarà sempre maggiormente interconnesso con la realtà virtuale e, grazie a device sempre più tecnologici, saremmo in grado di vivere mondi paralleli al nostro, ma anche mondi inventati, presenti, passati e futuri. Sicuramente il valore dell’esperienza diventerà sempre più grande. 

 

Oltre alle varie esperienze e utilità,  non dobbiamo dimenticarci della parte educativa. Infatti possiamo usare la realtà parallela del metaverso per simulare diverse situazioni, creare esperienze e apprendere più rapidamente i concetti che troviamo nei libri di scuola.

 

Noi di yes-web continueremo a esplorare sempre più questo nuovo modo di vivere il web, cercando sempre di capire appieno le potenzialità dei nuovi strumenti, per trovare, anche in questo caso, la migliore soluzione per il vostro business.

Il metaverso, vera opportunità per il futuro?

Ormai è da qualche mese che se ne parla: come vi abbiamo già accennato in un articolo precedente: 

da quando Mark Zuckerberg ha ufficialmente presentato Meta, la parola metaverso è entrata a far parte del nostro vocabolario e lessico corrente. Vero, per noi professionisti del web non è una parola nuova, e abbiamo già avuto modo di sperimentare questo mondo, ma la nuova idea del metaverso è più completa e mira a cambiare la nostra quotidianità.” 

 

Prima di addentrarci in discorsi tecnici su come questa nuova realtà sia possibile, vediamo da dove nasce questa parola. 

Come già detto a ottobre:

Metaverso è un termine coniato da Neal Stephenson in Snow Crash (1992), libro di fantascienza cyberpunk, descritto come una sorta di realtà virtuale condivisa tramite internet, dove si è rappresentati in tre dimensioni attraverso il proprio avatar.”

 

Stephenson caratterizza il Metaverso come un’immensa sfera nera, tagliata in due all’altezza dell’equatore da una strada percorribile anche su di una monorotaia con 256 stazioni, ognuna a 256 km di distanza. Su questa sfera ogni persona può realizzare in 3D ciò che desidera, negozi, uffici, nightclub e altro, il tutto potenzialmente visitabile dagli utenti.

Quella di Stephenson è una visione futuristica dell’internet moderno, frequentata dalle fasce della popolazione medio alte, dove la differenza tra le classi sociali è rappresentata dalla risoluzione del proprio avatar, da quelli in bianco e nero dei terminali pubblici, a quelli in 3D dei ricchi, e dalla possibilità di accedere a luoghi esclusivi, come ad esempio il Sole Nero.

 

Il 28 ottobre del 2021, con una presentazione in grande stile, Facebook diventa ufficialmente Meta, e annuncia che formerà un team di diecimila persone, oltre a un investimento considerevole, per sviluppare il metaverso. Non è però solo Meta a puntare su questa nuova realtà virtuale, che si può considerare come un vero e proprio mondo parallelo, ma anche altre aziende stanno investendo e facendo ricerche in questo ambito, come ad esempio Microsoft e le maggiori società di criptovalute.

Per quanto il metaverso sia ancora un progetto in corso, e ci vorrà ancora del tempo per poterlo vivere appieno, in questi mesi sono emerse diverse sue possibili caratteristiche:

  • Si tratta di spazi tridimensionali dove gli utenti si muovono liberamente utilizzando degli avatar; qui si può giocare, creare, lavorare e anche concludere accordi commerciali.
  • Il metaverso non è di proprietà delle aziende, ma si tratta di una struttura tecnica condivisa.
  • Gli spazi virtuali possono essere creati dagli utenti stessi che li mettono a disposizione di altri utenti.
  • Per rendere possibile il collegamento tra lo spazio reale e quello digitale si usano la realtà aumentata e tecnologie di realtà ibride.
  • Si possono utilizzare valute virtuali e reali.
  • Alla base degli spazi virtuali ci sono degli standard tecnici compatibili, dei protocolli, l’interoperabilità, la proprietà digitale, la tecnologia blockchain e le legislazioni che ne regolano l’uso.

 

Per poter entrare a 360 gradi nel metaverso, oltre al software col quale connettersi, sarà necessario essere in possesso di particolari dispositivi ottici come gli Oculus di Meta, o altri visori ottici che, coadiuvati da cuffie e diversi controller e accessori, ci permetteranno di immergerci totalmente in questo mondo virtuale.

Vero, al momento la realtà aumentata è usata principalmente in ambito gaming, e ne abbiamo avuto un assaggio in questi anni – pensiamo al controller wii o della xbox – ma il metaverso sta mostrando interessanti prospettive per quel che concerne il mondo del lavoro nel futuro. 

Infatti Meta ha lanciato un software per riunioni aziendali, chiamato Horizon Workrooms. E anche Microsoft ha annunciato il lancio di Mesh, una evoluzione della piattaforma Teams dal 2D al 3D, con gli avatar che si riuniranno in spazi virtuali tridimensionali studiati per riprodurre sale riunioni e uffici.

In pratica, invece di vedere colleghi e clienti sullo scacchiere delle videoriunioni, li incontriamo in uno spazio aziendale virtuale. Senza spostarci dalla scrivania dell’ufficio o di casa.

Microsoft, inoltre, sta già lavorando allo sviluppo di prototipi di realtà 3D per lo smart working, che lo stesso Bill Gates avrebbe avuto già la possibilità di testare personalmente, dicendosi davvero entusiasta del potenziale, con particolare riferimento a quelli che potrebbero essere i cambiamenti introdotti nel mondo del lavoro.

 

Verosimilmente potremmo costruire un intero mondo virtuale nel metaverso, potremmo aprire attività e avere un lavoro che esiste solo su quello spazio virtuale, e non necessariamente nel mondo reale. Naturalmente tutto questo è ancora in una fase molto embrionale, e non vedremmo l’utilizzo di questo strumento in un futuro immediato, ma sicuramente i prossimi anni saranno segnati da queste nuove opportunità. 

Questo sarà il lavoro del futuro? È una domanda alla quale ancora non possiamo dare una risposta, ma possiamo essere abbastanza certi che sarà una parte del lavoro del futuro. Sarà un nuovo mondo che offrirà diverse possibilità, che ci proietterà verso nuove opportunità e eliminerà ancora di più le distanze. 

Per questo dobbiamo prendere in considerazione l’obiettivo di iniziare a conoscere e sfruttare questo mondo, iniziare a formarci professionalmente, per essere in grado di affrontare questa nuova sfida, e sfruttarla nel futuro. Il compito di yes-web, da professionisti del web, è quello di aiutarvi nel poter sfruttare al massimo anche questa opportunità che il web sta iniziando a darci.

L’economia digitale e le microimprese

Ormai è  finito anche questo 2021, un altro anno nel segno del covid che, grazie ai vaccini, ha allentato la presa sugli ospedali e sulle nostre libertà. È  vero, siamo ancora in una fase di larga diffusione del virus, dovuta anche alla nuova variante omicron, ma possiamo comunque iniziare a guardare con speranza a questo 2022 che sarà, speriamo, l’anno della ripresa e della rinascita da questo periodo buio.

 

In questi due anni la nostra società  è stata messa duramente alla prova ma, anche grazie alla nostra intelligenza e caparbietà,  abbiamo risposto bene e, come dice il saggio, abbiamo fatto di necessità virtù. Sicuramente questo periodo sarà ricordato nei libri di storia per diversi motivi, ma sarà ricordato anche come il periodo nel quale gli acquisti sul web hanno subito una forte crescita. Questo sia perché per vari mesi siamo stati in lockdown, sia perché i consumatori hanno imparato a destreggiarsi con maggior disinvoltura nel web.

 

Anche il nostro lavoro di agenzia per le soluzioni web ha subito un grande cambiamento; infatti, alla richiesta classica di soluzioni web, si è affiancata la necessità di creare strumenti su misura per tutti. Questa necessità ha portato la nostra agenzia a creare nuovi pacchetti e soluzioni per permettere a chiunque di entrare e sfruttare questo mondo che offre tante nuove possibilità.

 

Quando pensiamo a un’attività sul web subito ci vengono in mente i siti di e-commerce, dai quali, stando comodamente sul divano a casa, possiamo acquistare qualunque merce o servizio. Ma il web non è solo questo. Infatti, se sfruttato bene, può diventare la nostra vetrina virtuale per presentarci, e offrire i nostri servizi o merci, potenzialmente a tutto il mondo. 

 

Le nostre attività diventeranno sempre più ibride e, di fianco al negozio fisico, sarà necessario pensare a un negozio digitale, che sfrutti le opportunità del web a tutto tondo. 

Il nuovo consumatore cambia stile di vita più volte al giorno, a seconda dei luoghi e delle occasioni che la quotidianità gli offre. Grazie all’evoluzione digitale sono cambiati i contesti di riferimento, il comportamento del consumatore davanti al prodotto e la condotta delle imprese della filiera, sempre più presenti nei vari contesti, soprattutto quelli digitali. Inoltre, negli anni, è mutato anche l’uso dei luoghi da parte del consumatore: i punti di passaggio e aggregazione sono diventati dei punti vendita, a volte i luoghi di acquisto assumono un ruolo di intrattenimento e diventano anche luoghi di incontro e la casa è diventata il nostro nuovo luogo d’acquisto. 

 

Non dobbiamo sbagliare nel considerare il nostro business “non digitale”. Oggi tutti lavoriamo nel digitale, la nostra quotidianità è immersa nei software, nel web, nei social, nelle comunicazioni via mail o attraverso client di messaggistica. Anche le ricerche di mercato che ci presentano i nostri fornitori e agenti sono realizzate attraverso un’analisi digitale delle preferenze d’acquisto. In questo nuovo contesto cambiano le strategie, non più basate solo sull’advertising tradizionale, ma integrate col digitale. 

 

Lo scenario di base nel quale sta avvenendo questa piccola rivoluzione vede il nostro Paese ancora indietro rispetto ad altre realtà, anche se nel 2020 e 2021 abbiamo assistito a un aumento dell’uso del digitale. 

Gianluca Stamerra, regional director di godaddy per italia, spagna e francia, osserva: l’analisi condotta sulle micro imprese durante il periodo di emergenza sanitaria mostra che solo pochi casi virtuosi (10%) hanno attivato investimenti significativi durante il periodo di lockdown. allo stesso tempo, il fatto che il 63% delle piccole aziende riesca a generare meno di 500 visite mensili sul proprio sito web dimostra che esiste un enorme potenziale di miglioramento: ossia adottare strumenti per migliorare la visibilità dei loro siti vetrina, al fine di essere trovati su internet e supportare efficacemente il business. (PMI digital index 2020 godaddy)

Bisogna assolutamente invertire questa tendenza, le microimprese devono necessariamente diventare più digitali e imparare a usare almeno i servizi di base che il web offre, come le campagne marketing sui social, aumentare la visibilità online e creare la propria vetrina digitale, necessaria per raggiungere più clienti.

 

Questi servizi si traducono negli strumenti tipici del digitale, come i siti web, i social e le e-mail. Dobbiamo imparare a padroneggiare questi strumenti, creare la presenza online, attraverso un sito e una pagina sui social, curare la nostra presenza online utilizzando servizi come Google my Business, coltivare la relazione con i clienti utilizzando ad esempio un sistema di e-mail marketing, fidelizzando quelli già esistenti e cercando di acquisirne di nuovi. 

 

È vero, tutto questo sembra un cambiamento che andrà a modificare radicalmente il nostro concetto di impresa; in realtà si tratta solo di acquisire una nuova consapevolezza delle nuove tecnologie di informazione e sfruttarle a nostro vantaggio. Tutti noi ormai siamo connessi costantemente, usiamo con disinvoltura i social e le applicazioni sul nostro smartphone e sappiamo condurre una ricerca sui motori di ricerca. Ora, anche attraverso l’aiuto di un’agenzia come yes-web, è il momento di cambiare prospettiva e non vedere più il web come un luogo di svago ma come una vera e propria piattaforma nella quale possiamo costruire il futuro della nostra attività. 

Libro bianco sull’economia digitale

Il progetto Libro Bianco sull’Economia Digitale nasce da due considerazioni principali.
Continua a leggere