Tag: digital transformation

Non cadiamo in errore: La web reputation

Sino a qualche anno fa, col termine web reputation, si indicava quell’insieme di informazioni che costituiscono la reputazione online di una persona fisica o di un soggetto giuridico, come ad esempio un’attività commerciale o che offre dei servizi. 

 

Avere una buona reputazione online è sempre molto importante, anche se a diverso titolo, per tutti i soggetti presenti nel web. 

 

La web reputation incide inevitabilmente sulla nostra persona o attività: per questo bisogna sempre prestare la massima attenzione, soprattutto in questo periodo dove le recensioni online sono molto considerate dai possibili clienti, e soprattutto  nel caso di attività che sono presenti sul web, bisogna stare attenti a non creare dei feed negativi.

 

Lo stretto e indissolubile legame che si è venuto a formare tra il mondo digitale e quello fisico ci porta a sovrapporre la reputazione che ci si costruisce nel mondo reale a quella online, e viceversa.

 

Per tempo la web reputation è sempre stata considerata un problema riguardante più le persone fisiche che le attività; tutti ricordiamo come qualche assunzione sia stata condizionata dai profili sui social. Negli ultimi anni, grazie ai servizi di advisor, alla costante presenza sui social e alla grande diffusione di servizi come google my business, è diventato fondamentale per le attività diventare attrattive non solo per i clienti ma per tutti gli stakeholder

 

Purtroppo la stragrande maggioranza delle aziende non cura la propria web reputation in maniera sistematica, e non è nemmeno perfettamente consapevole dell’importanza della reputazione online del proprio brand.

Per questo motivo, le imprese tendono ad accorgersi dell’esistenza o della importanza di questa solamente quando hanno un problema da risolvere, come articoli diffamatori da rimuovere, notizie negative da cancellare, recensioni  che criticano i servizi o i prodotti, lamentele da parte dei clienti.

E invece la web reputation è l’immagine online del proprio marchio, un elemento fondamentale che dovrebbe avere la stessa importanza del piano marketing.

 

Il pilastro fondamentale per una buona web reputation è la creazione del contenuto; infatti una azienda non deve assolutamente rimanere ferma e silente, ma deve creare contenuto, parlare ed esprimersi. Una pratica fondamentale è quella di creare a ritmo costante del buon contenuto, attraverso il blog del sito, con dei contenuti sui social, con la creazione di foto e video, che diventeranno il reale fulcro della nostra reputazione in rete.

 

Naturalmente i contenuti devono essere ricercati e di qualità, non devono essere autoreferenziali ma di elevato valore, e realmente utili ai nostri clienti. Articoli, approfondimenti, report, studi di settore, testi e immagini sono il passo principale per conquistarsi una buona reputazione dimostrando coi fatti la vostra preparazione, serietà ed esperienza.

 

Come già accennato prima il contenuto, non è solamente testuale. Ogni articolo prodotto deve essere tradotto su più piattaforme: da un post sui social network, ad un podcast ad un piccolo video su YouTube.

Il fatto che i contenuti creati siano multicanale, e possano raggiungere le persone con più modalità possibili è importante tanto quanto il contenuto stesso. In questo caso infatti la distribuzione delle informazioni assume importanza e aumenta la valenza del messaggio.

 

Il risultato di tutto questo lavoro deve essere quello di produrre determinati risultati sui motori di ricerca in corrispondenza del proprio nome.

infatti la pagina dei risultati di google relativa al proprio marchio non può essere lasciata al caso, ma deve essere consapevolmente controllata e migliorata con la continua creazione e pubblicazione di contenuti di elevato valore e ottimizzati proprio in ottica SEO.

Questo è il campo del Content Marketing e della SEO, cioè quell’insieme di scienze e tecniche che sono esattamente concentrate sul creare contenuto ad alto valore e posizionarlo al meglio sui motori di ricerca.

 

E questa è anche la nostra mission. Infatti, yes-web, non solo offre la creazione di siti web, ma anche, e soprattutto, la parte di creazione e gestione di tutti i contenuti che  formano la web reputation. È un lavoro importante, che rende la vostra attività estremamente dinamica nel web, sempre presente tra i primi posti dei motori di ricerca principali e nelle bacheche dei social. 

 

Investire sulla propria reputazione, sulla propria immagine, è ormai fondamentale nel mondo di oggi, sempre più caratterizzato da interazioni e ricerche sul web che si ripercuotono nel mondo fisico. Offrire puntualmente contenuti di qualità è sempre più fondamentale per distinguersi dalla massa e raggiungere sempre più persone.

Cyber Attacchi sempre più di attualità

La tematica della sicurezza informatica è tornata alla ribalta in questi ultimi anni. 

 

Un attacco informatico o cyberattacco, nell’ambito della sicurezza informatica, indica una qualunque manovra impiegata da individui od organizzazioni che colpisca sistemi informatici, infrastrutture, reti di calcolatori e/o dispositivi elettronici tramite atti malevoli, finalizzati al furto, alterazione o distruzione di specifici obiettivi, violando sistemi suscettibili.

 

In quest’ultimo anno abbiamo avuto in Italia diversi esempi di questo tipo di attacchi, come quello al sistema della sanità di diverse regioni, quello alla Siae e, purtroppo, la minaccia Russa ai nostri sistemi in seguito alla guerra in Ucraina. 

 

Il fenomeno esiste di pari passo alla storia dell’informatica, ma è soprattutto alla fine del XX secolo, anche grazie alla diffusione delle connessioni a banda larga, che ha cominciato ad incrementarsi. 

Gli attacchi informatici sono azioni e manovre malevole, messe cioè in atto da persone oppure organizzazioni criminali con l’obiettivo di creare un danno, che vanno a colpire e violare i sistemi IT, ossia nfrastrutture, applicazioni, reti e/o dispositivi elettronici, app e servizi digitali online, ecc. e che, solitamente, hanno come obiettivo il furto dei dati o delle identità digitali, il blocco delle attività, il malfunzionamento di un servizio, il furto delle credenziali degli utenti, l’accesso alle informazioni e via dicendo.

 

Chi sono gli attori che fisicamente compiono questi attacchi? Queste azioni sono compiute da quelli che nel linguaggio comune identifichiamo col nome di hacker o cracker, e non sono la stessa cosa. 

 

Infatti un hacker è una persona interessata a lavorare in profondità su un sistema operativo. In generale, gli hacker sono programmatori, hanno una buona o avanzata conoscenza di sistemi operativi, linguaggi di programmazione e concetti di rete. Sono in grado di identificare il rischio del sistema. Un hacker cerca di acquisire ulteriori conoscenze per scoprire aree tecnologiche. Inoltre, solitamente, non danneggia i dati intenzionalmente.

 

Il cracker invece è una persona che viola l’integrità del sistema di macchine remote con intenti dannosi. Ottiene l’accesso non autorizzato alle risorse e ai dati di sistema, a volte distruggendo anche le informazioni vitali dell’organizzazione, negando il servizio agli utenti legittimi e causando problemi generalizzati alle strutture informatiche. Pertanto, ciò può causare problemi di software, hardware e rete. Inoltre possono rubare dettagli personali e riservati come informazioni bancarie, password e dettagli della licenza e influenzare il corretto funzionamento dei sistemi. 

 

“Sicuramente il movimento hacker più famoso è quello di Anonymus: nato nel 2003, si ispira alla pratica della pubblicazione anonima di immagini e commenti su internet e in generale sul web. A differenza di altri movimenti sociali, l’azione di Anonymous si caratterizza per la compresenza di attività di protesta effettuate online e in pubblico, quando i partecipanti alle proteste si mostrano con indosso la maschera di Guy Fawkes, resa famosa dalla serie a fumetti V per Vendetta. Il movimento è sempre attivo contro le discriminazioni, la negazione delle libertà fondamentali e contro la guerra, come nel caso del conflitto russo in Ucraina di questo periodo”.

 

Esistono diversi tipi di attacchi informatici e possono riguardare infrastrutture, istituzioni finanziarie, enti pubblici e addirittura apparati statali. Questi vengono messi in atto attraverso una serie di tecniche ed una grande varietà di modi di attuazione degli stessi verso individui o, su scala più ampia, verso istituzioni. Si dividono in due grandi categorie: gli attacchi sintattici e gli attacchi semantici: i primi sono diretti e consistono nella diffusione ed utilizzo di malware e di software malevolo in generale come virus, worm o trojan, i secondi invece sono indiretti e consistono nella modifica di informazioni corrette e nella diffusione di informazioni fasulle. La disseminazione di informazioni errate può essere utilizzata per coprire le proprie tracce o per instradare qualcuno nella direzione sbagliata facendogli credere che sia quella giusta.

 

Il mondo del web è vario e complicato. Potenzialmente chiunque è collegato in rete è vulnerabile in qualunque momento. Per questo motivo, è sempre bene chiedere a professionisti del web come difenderci da questi attacchi. 

Noi di Yes-Web abbiamo un’attenzione particolare nell’adottare tutte le precauzioni necessarie affinchè il vostro sito sia protetto e al sicuro. 

L’economia digitale e le microimprese

Ormai è  finito anche questo 2021, un altro anno nel segno del covid che, grazie ai vaccini, ha allentato la presa sugli ospedali e sulle nostre libertà. È  vero, siamo ancora in una fase di larga diffusione del virus, dovuta anche alla nuova variante omicron, ma possiamo comunque iniziare a guardare con speranza a questo 2022 che sarà, speriamo, l’anno della ripresa e della rinascita da questo periodo buio.

 

In questi due anni la nostra società  è stata messa duramente alla prova ma, anche grazie alla nostra intelligenza e caparbietà,  abbiamo risposto bene e, come dice il saggio, abbiamo fatto di necessità virtù. Sicuramente questo periodo sarà ricordato nei libri di storia per diversi motivi, ma sarà ricordato anche come il periodo nel quale gli acquisti sul web hanno subito una forte crescita. Questo sia perché per vari mesi siamo stati in lockdown, sia perché i consumatori hanno imparato a destreggiarsi con maggior disinvoltura nel web.

 

Anche il nostro lavoro di agenzia per le soluzioni web ha subito un grande cambiamento; infatti, alla richiesta classica di soluzioni web, si è affiancata la necessità di creare strumenti su misura per tutti. Questa necessità ha portato la nostra agenzia a creare nuovi pacchetti e soluzioni per permettere a chiunque di entrare e sfruttare questo mondo che offre tante nuove possibilità.

 

Quando pensiamo a un’attività sul web subito ci vengono in mente i siti di e-commerce, dai quali, stando comodamente sul divano a casa, possiamo acquistare qualunque merce o servizio. Ma il web non è solo questo. Infatti, se sfruttato bene, può diventare la nostra vetrina virtuale per presentarci, e offrire i nostri servizi o merci, potenzialmente a tutto il mondo. 

 

Le nostre attività diventeranno sempre più ibride e, di fianco al negozio fisico, sarà necessario pensare a un negozio digitale, che sfrutti le opportunità del web a tutto tondo. 

Il nuovo consumatore cambia stile di vita più volte al giorno, a seconda dei luoghi e delle occasioni che la quotidianità gli offre. Grazie all’evoluzione digitale sono cambiati i contesti di riferimento, il comportamento del consumatore davanti al prodotto e la condotta delle imprese della filiera, sempre più presenti nei vari contesti, soprattutto quelli digitali. Inoltre, negli anni, è mutato anche l’uso dei luoghi da parte del consumatore: i punti di passaggio e aggregazione sono diventati dei punti vendita, a volte i luoghi di acquisto assumono un ruolo di intrattenimento e diventano anche luoghi di incontro e la casa è diventata il nostro nuovo luogo d’acquisto. 

 

Non dobbiamo sbagliare nel considerare il nostro business “non digitale”. Oggi tutti lavoriamo nel digitale, la nostra quotidianità è immersa nei software, nel web, nei social, nelle comunicazioni via mail o attraverso client di messaggistica. Anche le ricerche di mercato che ci presentano i nostri fornitori e agenti sono realizzate attraverso un’analisi digitale delle preferenze d’acquisto. In questo nuovo contesto cambiano le strategie, non più basate solo sull’advertising tradizionale, ma integrate col digitale. 

 

Lo scenario di base nel quale sta avvenendo questa piccola rivoluzione vede il nostro Paese ancora indietro rispetto ad altre realtà, anche se nel 2020 e 2021 abbiamo assistito a un aumento dell’uso del digitale. 

Gianluca Stamerra, regional director di godaddy per italia, spagna e francia, osserva: l’analisi condotta sulle micro imprese durante il periodo di emergenza sanitaria mostra che solo pochi casi virtuosi (10%) hanno attivato investimenti significativi durante il periodo di lockdown. allo stesso tempo, il fatto che il 63% delle piccole aziende riesca a generare meno di 500 visite mensili sul proprio sito web dimostra che esiste un enorme potenziale di miglioramento: ossia adottare strumenti per migliorare la visibilità dei loro siti vetrina, al fine di essere trovati su internet e supportare efficacemente il business. (PMI digital index 2020 godaddy)

Bisogna assolutamente invertire questa tendenza, le microimprese devono necessariamente diventare più digitali e imparare a usare almeno i servizi di base che il web offre, come le campagne marketing sui social, aumentare la visibilità online e creare la propria vetrina digitale, necessaria per raggiungere più clienti.

 

Questi servizi si traducono negli strumenti tipici del digitale, come i siti web, i social e le e-mail. Dobbiamo imparare a padroneggiare questi strumenti, creare la presenza online, attraverso un sito e una pagina sui social, curare la nostra presenza online utilizzando servizi come Google my Business, coltivare la relazione con i clienti utilizzando ad esempio un sistema di e-mail marketing, fidelizzando quelli già esistenti e cercando di acquisirne di nuovi. 

 

È vero, tutto questo sembra un cambiamento che andrà a modificare radicalmente il nostro concetto di impresa; in realtà si tratta solo di acquisire una nuova consapevolezza delle nuove tecnologie di informazione e sfruttarle a nostro vantaggio. Tutti noi ormai siamo connessi costantemente, usiamo con disinvoltura i social e le applicazioni sul nostro smartphone e sappiamo condurre una ricerca sui motori di ricerca. Ora, anche attraverso l’aiuto di un’agenzia come yes-web, è il momento di cambiare prospettiva e non vedere più il web come un luogo di svago ma come una vera e propria piattaforma nella quale possiamo costruire il futuro della nostra attività. 

Il metaverso

 

È da qualche giorno che se ne parla, Facebook ha cambiato nome in Meta. Il colosso del web, che comprende le applicazioni più usate al mondo (facebook, instagram, whatsapp e gli oculos) ha così svelato, tra l’altro con un divertente spot di Khaby Lame, i suoi progetti per il futuro. Non è una sorpresa, soprattutto tra gli addetti ai lavori, che  la società di Menlo Park volesse puntare nella direzione del metaverso, e infatti tutti i rumors sono stati rispettati.

 

Ma che cos’è il metaverso? 

Metaverso è un termine coniato da Neal Stephenson nel libro appartenente alla cultura cyberpunk Snow Crash (1992), ed è descritto dall’autore come una sorta di realtà virtuale condivisa tramite internet, dove si è rappresentati in tre dimensioni attraverso il proprio avatar. In questo mondo la differenza tra le classi sociali è rappresentata dalla risoluzione del proprio avatar e dalla conseguente possibilità di accesso a luoghi esclusivi.

Nell’idea moderna il metaverso è una sorta di realtà parallela dove sarà riprodotto un mondo simile al nostro e dove noi stessi saremo rappresentati dai nostri avatar in 3D. Ci saranno le città, le strade, i negozi, le case, ma tutto sarà virtuale. Potremo incontrare degli amici, andare a fare una passeggiata, andare al cinema, fare shopping, frequentare un corso scolastico, andare a una festa, senza muoverci di casa e per pagare si useranno le monete digitali, cryptovalute come ad esempio i bitcoin. Per immergerci in questo mondo virtuale ci basteranno un paio di occhiali vr, capaci anche di cogliere le espressioni del volto come i sorrisi o le smorfie.

Anche se può sembrare estremamente futuristico, non stiamo andando incontro a nulla di così nuovo e complicato. Infatti già nella nostra vita di tutti i giorni abbiamo a che fare con aspetti tipici del metaverso, pensiamo agli assistenti virtuali di tanti servizi che usiamo. Il futuro, anche prossimo, ci riserverà nuove opportunità per sfruttare questo mondo.

 

Ma quali possono essere le opportunità del metaverso?

Il metaverso non sarà una mera esperienza virtuale dove poter passare del tempo, non sarà solo una nuova esperienza digitale per gli utenti, ma sarà anche una nuova opportunità di business, un modo nuovo per studiare la storia, le scienze, per informarsi, per poter conoscere nuovi luoghi, musei, mostre, interagire con artisti, filosofi, scienziati, e molte altre cose… senza doversi spostare da casa. 

L’utilizzo sul piano del business è la vera sfida del metaverso. Infatti, soprattutto nell’idea di meta, questo sarà una nuova realtà basata su quella reale, con case, edifici, strade, ferrovie, esattamente come appaiono nel mondo reale, nella quale potremo svolgere le nostre attività e il nostro lavoro, praticamente una sorta di second life. 

In quest’ottica le opportunità di business potrebbero essere notevoli. Pensiamo ad esempio ad un fotografo: potrà mostrare i suoi scatti in un ambiente virtuale organizzato come una galleria d’arte quando in realtà lavora da un piccolo studio. 

Ma tutte le attività potranno giovare delle nuove opportunità date dal metaverso.

Ad oggi non sappiamo con certezza come si concretizzerà questo mondo, abbiamo pochissimi indizi e poche certezze. Sicuramente Meta investirà nei prossimi anni diversi miliardi di dollari (si parla di 10 miliardi di dollari in 10/15 anni) per creare il metaverso e le opportunità legate a questo nuovo modo di concepire il virtuale, e noi come agenzia web, dobbiamo essere pronti a raccogliere anche questa nuova sfida.

Sempre più digitali: gli scenari post pandemia

 “La pandemia ha accelerato sensibilmente i processi di digitalizzazione nel Paese portando a sperimentare i benefici e le sfide della connettività, oggi più che mai anche nel contesto domestico. Attività e servizi digitali come smart working e videocall, che molti di noi hanno sperimentato per la prima volta durante il lockdown, continueranno a essere richiesti e utilizzati in futuro, anche se probabilmente in misura minore. È tuttavia importante soffermarsi su un altro aspetto che ha portato con sé questa digitalizzazione: la crescita dei servizi online ha amplificato certe paure e preoccupazioni, soprattutto quelle legate a possibili violazioni della privacy e all’impatto delle tecnologie sul proprio benessere psicofisico (il 50% degli italiani è più preoccupato di prima per le conseguenze dell’utilizzo di internet). Dunque, a fronte di una domanda elevata sia in termini di qualità sia di varietà del panel di prodotti e servizi, anche l’offerta dovrà adeguarsi con standard altrettanto elevati e soluzioni sempre più personalizzate”.

( Irene Pipola, Partner EY, Responsabile consulting per il settore TMT)

 

Ormai sono mesi che lo ripetiamo: la pandemia di covid ha fatto mutare radicalmente molte abitudini e ne ha creato di nuove, soprattutto nel mondo dei servizi e del commercio. Sono aumentati il bisogno di connettività e l’adozione di servizi digitali, ma, al contempo, crescono anche le paure legate a un uso eccessivo delle tecnologia. 

Che la pandemia abbia avuto questi effetti non è una sorpresa, era abbastanza intuitivo, ma solo recentemente abbiamo potuto studiare questi dati.

 

Come viene quantificato dal rapporto Digital Home Study di EY, ormai, per più della metà degli italiani, avere una connessione efficiente e sicura è indispensabile. Per quanto l’esigenza sia nata durante i mesi di lockdown, tra dad e smart working, sembra che il bisogno di connettività sia destinato a restare oltre l’emergenza, anche perchè la pandemia ha portato a sperimentare e scoprire nuovi servizi digitali. Le nuove soluzioni web sono state adottate praticamente su scala globale, ma in Italia questo fenomeno sembra accentuato: secondo il report di EY, un italiano su tre ha utilizzato per la prima volta una videochiamata per lavoro, contro il 20% dei francesi e il 18% dei tedeschi. La didattica online è stata una novità per il 30% degli italiani (percentuale ben più robusta rispetto al 12% della Francia e all’11% della Germania). Il 23% ha fatto ricorso per la prima volta ai servizi sanitari digitali (dieci punti percentuali in più rispetto a Parigi e Berlino). 

I dati possono essere interpretati in due direzioni: il distacco dagli altri Paesi certifica da una parte quanto gli italiani si siano avvicinati ai servizi online, e dall’altra lasciano ipotizzare una condizione di partenza più arretrata.

 

Come già accennato, la digitalizzazione, al netto dei suoi benefici, non è un processo indolore, infatti si sono amplificate ansie e timori legati all’utilizzo della tecnologia. La questione della privacy rappresenta la fonte di angoscia primaria tra gli utenti: rispetto al pre-pandemia, il 37% degli italiani afferma di essere più preoccupato sulla riservatezza dei propri dati. Il 66% sostiene di essere estremamente prudente nel condividere informazioni personali online. Il dato è superiore rispetto a quello della Germania (61%) ma inferiore rispetto a Francia (73%), Stati Uniti (72%) e Gran Bretagna (71%). Anche in questo caso, le percentuali vanno soppesate: la prudenza deriva da una percezione, che non sempre corrisponde a una condotta realmente virtuosa, specie se in assenza di alfabetizzazione digitale. Allo stesso modo, una maggiore preoccupazione sulla gestione dei propri dati non è, di per sé, una cattiva notizia: potrebbe essere generata da una maggiore consapevolezza. 

 

Sono sempre più gli utenti che si dicono preoccupati per il loro benessere digitale. Infatti, più della metà di questi cerca di ritagliarsi spazi e tempo lontano dalle tecnologie web, anche perchè in questa particolare fase storica c’è stato un aumento esponenziale di tutti i servizi, compresi quelli di streaming e intrattenimento in generale. Anche in ambito lavorativo c’è stato un aumento delle comunicazioni con i fornitori attraverso nuovi canali digitali e, sempre in questo ambito, abbiamo assistito a una piccola rivoluzione, con la nascita del negozio ibrido e la consapevolezza sempre maggiore dei lavori che si possono svolgere attraverso il web, come l’e-commerce. 

 

In questa ottica cambia anche il modo di noi professionisti di creare contenuti web. Il nostro lavoro muterà sia in base alle nuove esigenze dei nostri clienti, che decidono di investire sul web,  sia in base alle esigenze del consumatore finale, che sì, passa più tempo connesso, ma vorrà consultare contenuti leggeri e intuitivi. Il fattore tempo sarà determinante nel creare dei contenuti efficaci e desiderabili.

 

Unire l’esigenza di tempo del consumatore finale e le performance del contenuto sarà la nuova sfida che agenzie come yes-web dovranno affrontare.