Guerrilla Marketing

Set 30, 2021 news

Erano gli anni Ottanta e le televisioni commerciali di tutti i Paesi hanno inventato la pubblicità moderna. Questa prevedeva, al costo tutt’altro che modico, grandi campagne che si articolavano almeno in tre voci principali: carta stampata, radio e televisione appunto. Per i piccoli business era diventato quasi impossibile emergere in un panorama così affollato e monopolizzato da chi aveva a disposizione budget elevati.

La soluzione fu formulata nel 1984 nell’omonimo libro di Jay Conrad Levinson, Guerrilla Marketing. Con un passato di direttore creativo alla Leo Burnett, l’esperto pensò questa tecnica con un obiettivo preciso: usare tattiche non convenzionali rispetto a quelle più praticate all’epoca per fare marketing anche con piccoli budget a disposizione.

Secondo l’autore la campagna pubblicitaria deve essere scioccante, unica, memorabile e, il suo creare buzz era solo un obiettivo secondario, in qualche misura quasi una conseguenza fisiologica del nuovo approccio al marketing.

L’ispirazione per il termine Guerrilla Marketing veniva dalla tattica di guerra detta appunto guerriglia condotta da piccole formazioni di uomini e caratterizzata da assalti a sorpresa o imboscate. Infatti, questo tipo di marketing, usa elementi tipici delle tattiche di guerriglia, come gli assalti, i sabotaggi, la sorpresa, i raids, ecc.

“Il primo esempio di Guerrilla Marketing contemporaneo fu la promozione di “The Blair Witch Project”, un found footage horror ispirato a una leggenda metropolitana che circolava a proposito di alcune misteriose sparizioni a Blair, nel Maryland. Era il 1999 e i registi del film costruirono in USA una campagna davvero originale per il tempo con tanto di sito web che riportava rapporti di polizia, interviste di testimoni e manifesti con le foto degli attori che offrivano ricompense a chi li ritrovasse. L’horror raccontava, infatti, la storia di tre studenti improvvisamente scomparsi nel nulla mentre stavano facendo una ricerca sulla strega di Blair, ritenuta responsabile di alcune morti misteriose. L’operazione generò preoccupazione tra gli spettatori statunitensi, tanto che qualcuno anche dopo aver visto il film al cinema restò convinto che si trattasse di un documentario reale montato con riprese originali degli studenti misteriosamente ritrovate. Nonostante le polemiche da cui furono investiti gli ideatori quando si scoprì che era tutto frutto dell’immaginazione, la campagna fu un vero successo a livello di marketing: al botteghino il film, diretto da esordienti, raccolse in poche settimane quasi 250 milioni di dollari”.

Lo scopo principale del guerrilla marketing, come tutta la pubblicità in generale, è quello di mettere in contatto i produttori di beni e servizi e quanti più consumatori possibili, usando metodi innovativi, non convenzionali e virali. Infatti questo stile di promozione dovrebbe:

  • emergere dalla massa della pubblicità convenzionale ricorrendo ad una creatività più particolare;
  • generare un effetto sorpresa tramite una presentazione insolita;
  • rimanere impresso a lungo nella memoria per via della sua originalità e unicità;
  • generare molto “buzz” sotto forma di discussioni e passaparola;
  • diffondersi in maniera virale e diventare un moltiplicatore tramite Internet;
  • fissare l’immagine della propria azienda e del proprio brand tramite un’associazione positiva;
  • aumentare il fatturato tramite un raggio d’azione maggiore e l’effetto PR.

L’effetto sorpresa, e il cumulo di emozioni positive a esso legate, hanno un peso molto importante non solo nell’aumentare il livello di attenzione e di coinvolgimento ma anche nel facilitare la risposta alla call-to-action, obiettivo di fondo di qualsiasi campagna di marketing e/o di comunicazione. In più risulterebbe aumentata anche la memorabilità dell’evento, cioè l’incontro tra il brand e il consumatore.

Vero, il guerrilla marketing ha bisogno di luoghi per esistere. Molte installazioni sono fisiche, tattili, sonore, visive. Ora, la domanda è: questa tattica si può usare anche nel web e nei social? 

La risposta è sì, anche se dobbiamo tenere a mente che una buona strategia pubblicitaria deve essere coerente, a passo con i tempi, deve trasmettere comunque un messaggio positivo e non deve essere offensiva per nessuno. Infatti, nel corso degli anni, abbiamo assistito a campagna di guerrilla marketing che hanno dato dei risultati eccezionali e altre che sono state fallimentari e hanno creato non poco imbarazzo al brand pubblicizzato.

Visto che l’effetto di diffusione virale non può essere controllato, le idee e le misure intraprese devono venir pianificate particolarmente bene e applicate nel miglior modo possibile. I costi e l’impegno richiesti devono inoltre venire ricompensati all’interno di iniziative promosse nel breve o nel lungo periodo. Se con il guerilla marketing si ottiene invece l’effetto contrario, perché i clienti si arrabbiano o vengono disorientati o si rivolgono persino alla polizia, si rischia di danneggiare il brand e l’immagine dell’azienda, oltre che incorrere in multe e correzioni di campagne costose.

Per questi motivi, soprattutto per le campagne sul web e sui social, dove difficilmente scompare qualcosa, è indispensabile rivolgersi a un’agenzia seria e preparata come yes-web, avere il tempo necessario ad articolare e far partire la campagna pubblicitaria e conoscere e gestire esattamente il budget a disposizione. 

Per BwBA_0kJ